Il tempo è l'unica cura per le coliche!

Una recensione dice a cosa non crederanno i genitori molestati: non c'è cura per le coliche del tempo!

Quel pianto ininterrotto di un bambino con le coliche fa sì che alcuni genitori si rivolgano a rimedi popolari popolari. Sfortunatamente, non ci sono buone prove che funzionino, secondo una revisione di 15 studi.



I risultati non sorprendono la mamma di New York City Leni Calas,32. Ha provato molti trattamenti studiati, tra cui estratto di finocchio, gocce di zucchero e massaggi, e dice che niente ha funzionato per la piccola Roxy, che ha pianto quasi senza sosta per sei mesi.

'Nostra figlia si svegliava e piangeva letteralmente dalla mattina alla sera senza fare un pisolino?', ha detto Calas. ??Si sarebbe letteralmente urlata viola e poi avrebbe vomitato perché aveva urlato così tanto.??



Calas ha detto che lei e suo marito non potevano accettare ciò che i medici avevano detto loro: che non c'era niente di sbagliato nel loro bambino e che sarebbe diventata troppo grande per gli incantesimi di pianto. Ma è esattamente quello che è successo.



Ed è quello che la maggior parte dei medici crede sulle coliche, che colpiscono fino a circa il 20% dei bambini statunitensi, di solito nei primi mesi di vita.

Se viene riscontrato un problema fisico, la condizione di solito non è considerata colica. Il reflusso gastrico e le allergie alle proteine ​​sono tra le condizioni che possono causare disturbi digestivi e crisi di pianto nei bambini e sono spesso erroneamente chiamate coliche.

Questo potrebbe spiegare perché alcuni rimedi pensati per alleviare i problemi digestivi potrebbero non funzionare nei bambini con coliche vere, compresi i trattamenti alternativi contenenti finocchio, tisane e probiotici, che sono stati tutti inclusi nella revisione medica.



??I rimedi alternativi non sono testati e approvati dal governo federale e la purezza e le quantità dei loro ingredienti non sono sempre verificate. I genitori dovrebbero sempre verificare con i loro pediatri se hanno intenzione di dare ai loro figli un trattamento alternativo??, ha detto il dottor Jatinder Bhatia, capo del comitato nutrizionale dell'American Academy of Pediatrics.

Lo studio dei ricercatori dell'Università di Exeter in Inghilterra è stato pubblicato online lunedì su Pediatrics. I ricercatori hanno analizzato i risultati di 15 studi su vari rimedi alternativi, massaggi e metodi chiropratici pubblicizzati come efficaci contro le coliche. Complessivamente sono stati coinvolti quasi 1.000 neonati.

Pochi studi sono stati condotti in modo rigoroso e tutti avevano 'grandi limiti', hanno detto i ricercatori.



??Quindi, l'idea che qualsiasi forma di medicina complementare e alternativa sia efficace per le coliche infantili non è attualmente supportata dalle prove? studiato, dicevano.

Nessuno degli studi ha riportato effetti collaterali, ma uno relativo a un rimedio a base di erbe ha elencato vomito, stitichezza e altri sintomi possibilmente correlati al trattamento.

Sebbene ci fossero segni promettenti con alcuni trattamenti, tra cui estratto di finocchio, tisane e soluzioni zuccherine, sono necessarie ricerche migliori per fornire prove conclusive, ha affermato la ricercatrice Rachel Perry, l'autore principale della recensione. I suoi due figli avevano le coliche, ma sono scomparse nel momento in cui ha provato a dare loro un liquido a base di erbe da banco promosso come efficace contro le coliche.

'Poiché le coliche vanno via da sole, è difficile determinare se trattamenti specifici potrebbero funzionare?', ha detto.

'Come madre disperata, posso capire il tipo di desiderio di provare qualsiasi cosa?', ha detto Perry.

Ha esortato i genitori a non arrendersi, poiché è possibile che studi meglio progettati sui rimedi alternativi mostreranno risultati più definitivi.

Bhatia, professore alla Georgia Health Sciences University, ha affermato che i risultati dello studio non significano che nessuno dei trattamenti funzionerà per nessun bambino. Alcuni genitori riferiscono di avere successo con rimedi alternativi. A volte ciò potrebbe essere dovuto al fatto che i genitori pensano che funzionerà e si sentono più calmi, il che a sua volta può calmare il bambino: un effetto placebo. Ma anche se c'è solo un effetto placebo, non c'è motivo per non continuare, purché i medici siano stati consultati e il trattamento sia sicuro, ha detto Bhatia.

I genitori dovrebbero sempre verificare con i loro pediatri se hanno intenzione di dare ai loro figli un trattamento alternativo, ha detto Bhatia.

Calas ha detto che è convinta di una cosa che nessuno vuole sentire: che l'unica cosa che cura davvero è il tempo.

L'articolo di cui sopra è solo a scopo informativo e non intende sostituire la consulenza medica professionale. Cerca sempre la guida del tuo medico o di un altro professionista sanitario qualificato per qualsiasi domanda tu possa avere sulla tua salute o su una condizione medica.